Stop al pessimismo e al negativismo: è ora di prendere la propria vita in mano e farne il proprio capolavoro.

Sono stato un po’ assente negli ultimi tempi per impegni di vario tipo. In questo post vi propongo uno spunto da seguire che ho trovato in un articolo che parlava del potere che hanno le nostre scelte nella vita di tutti i giorni. Si tratta di una traduzione che ho fatto di getto, quindi cercate di capire il senso generale.

Hope you enjoy it! 😉

Sei responsabile: “if it is to be, it is up to me”

Smetti di fare la vittima delle circostanze e prendi le tue responsabilità. Sei responsabile per come rispondi alla vita. Non reagire più impulsivamente. Non incolpare più gli altri per qualsiasi tua mancanza. Ricorda che sei al 100% responsabile per il tuo matrimonio, ad esempio. Nessuno di questi è un affare 50 e 50. Dipende tutto da te. Fallire, non raggiungere un obiettivo, è tutto dovuto ai tuoi errori e alle tue azioni. Se prendi decisioni, adesso ne subirai le conseguenze. Ovviamente altre persone potrebbero essere coinvolte nelle scelte che farai, ma non puoi incolparle per le tue decisioni.

Nel libro “Extreme Ownership: How US Navy Seal Lead and Win”, gli autori Jocko Willink e Leif Babin spiegano che il livello di responsabilità è il fondamento della vera leadership. Perciò non esistono team scarsi, bensì cattivi leader. Qualsiasi risultato negativo di un’operazione del gruppo cade direttamente sul leader. Per qualsiasi altro risultato positivo, invece, chi viene premiato è principalmente il team intero.

La self-leadership, similmente, comporta lo stesso livello di responsabilità. Se qualcosa non funziona, chi o cosa incolperai? Se non è niente di meno che te stesso, rimarrai ostaggio degli eventi che sfuggono al tuo controllo.

Ogni scelta ha il proprio costo e le sue conseguenza.

Il libero arbitrio non esiste.

Non sarai mai libero di agire come vorresti, anche se sei disposto ad accettare le conseguenze delle tue azioni. Come spiega Stephen R. Covey, noi esseri umani siamo in grado di controllare le nostre azioni, ma le conseguenze che scaturiscono da queste azioni sono determinate meramente da alcuni principi cardine. L’unico modo per evitare le conseguenze negative di certe azioni, quindi, è capire i principi che governano le conseguenze naturali. È per questo motivo che le persone di successo continuano ad imparare e a “farsi il mazzo” per capire meglio il mondo attorno a loro. Non potrai mai essere libero di agire se non capisci le conseguenze del tuo comportamento. L’ignoranza non è felicità o gioia, ma rappresenta un legame alle conseguenze negative senza capire la fonte e la ragione di quelle conseguenze. Mescola quest’ignoranza con la mentalità di vittima e avrai un cocktail distruttivo.

Inoltre, quando ti sarai reso conto che ogni scelta, anche la più piccola, produrrà un effetto, potrai decidere qual è il risultato che vorrai. Nessuna scelta è libera, ricorda. Ogni decisione è legata strettamente a un risultato. Perciò ogni scelta ha il suo significato.

La conseguenza finale (e il suo costo) di ogni scelta è il tempo! Non potrai mai richiedere il tuo tempo indietro. Ovvio che puoi sempre correggere il corso degli eventi. Puoi sempre imparare dai tuoi errori passati. Puoi risolvere al meglio i tuoi problemi. Ma ci sarà sempre un costo. Una volta che te ne sarai reso conto, sarai molto più sensibile a trascorrere del tempo in attività futili.

Il successo (e la felicità) è una scelta.

Fama, successo, salute e felicità sono conseguenze delle nostre azioni. Sono nient’altro che dei sottoprodotti.

Sono degli effetti, non delle cause.

Non puoi controllare gli effetti; questi sono governati dai principi. Nonostante ciò hai sempre la possibilità di controllare le cause di questi effetti, che si riflettono nei tuoi comportamenti di ogni giorno. Fattori ambientali negativi? Cambiali.

Una recente meta-analisi mostra che la maggior parte della gente non riesce a capire il significato di avere fiducia in se stessi. Questa sicurezza non conduce alla cosiddetta high performance. Piuttosto, la fiducia in se stessi è un effetto secondario della performance precedente.

Per esempio, se cominci la giornata con il piglio giusto, avrai più probabilità di essere più fiducioso per tutto il resto del giorno. Se, al contrario, cominci la giornata miseramente, quella performance precedente svigorirà la tua sicurezza, anche dal punto di vista del tuo subconscio.

Fissati questo: la fiducia in se stessi è un riflesso diretto della performance passata. Quindi, ieri è più importante di oggi. Fortunatamente, oggi è il domani di ieri. Perciò, anche se la tua fiducia oggi non è ottimale, quella di domani è ancora sotto il tuo controllo.

Con questo ti renderai conto che il tuo stato emozionale è una tua responsabilità e il prodotto delle tue scelte. Se vuoi essere sicuro e fiducioso, dipende da te. Se vuoi essere felice, dipende da te. Se vuoi essere uomo di successo anche quello dipenderà da te.

Annunci